Immagine
giro in rishò a Old Delhi
Oggi è l’ultimo giorno di prima di partire e con la guida visitiamo il Qutb Minar: un imponente torre della vittoria utilizzata come minareto. La visita prosegue con il Red Fort costruito dalla dinastia Moghul. Successivamente visita al bazar di Old Delhi con i suoi odori di fiori, urina incenso, gas di scarico e frittura. Nel pomeriggio visita alla casa- museo di Gandhi dove vi sono impressi gli ultimi passi che lo condussero nel luogo dove fu assasse i saninato. Nella camera sono esposti i suoi miseri averi: il bastone, gli occhiali e i sandali.

 
 
Immagine
strade allagate
Oggi dobbiamo tornare a Delhi e ci aspettano ben sei ore e mezza in macchina.Ci svegliamo presto, verso le sette, pronti per partire.
Le strade sono allagate e si faceva fatica a procedere, ma per fortuna siamo riusciti ad uscire dal Rajasthan.
Arrivati a Nuova Delhi abbiamo trovato un monto completamente diverso: c’erano grattaceli che svettavano ovunque.
Arrivo verso le 14.00 e dopo due tramezzini in hotel, pomeriggio di relax.
Abbiamo poi cenato in un ristorante lì vicino, consigliato dall'autista.


 
 
Immagine
Dettaglio di una porta antichissima
Ultima città del Rajasthan: Mandawa.
Sulla strada, oltre alle tante pecie di animale già incontrate, vediamo un gruppo di daini.
Mandawa è una piccola città, la sua caratteristica sono le haveli dipinte, di propietà dei ricchi trafficanti di oppio.
I bellissimi dipinti, non sempre ben conservati rappresentano: treni, aerei biciclette, rappresentazioni religiose e addirittura gondole che navigano sui canali di Venezia.
La cena nel nostro hotel, ex castello di un marhaja.


 
 
Immagine
Alcuni topi bevono il latte
Giornata soleggiata che ci accompagna nel viaggio verso Bikaner, cittadina vivace e polverosa con uno stupendo forte che a differenza degli altri visti, non è arroccato su un altura.
Il nostro hotel è una bellissima haveli in mezzo ad una foresta che si affaccia su un piccolo lago, dove vi sono scoiattoli, uccelli ed un’infinità di pappagalli.
Anche qui il paesaggio è desertico ed incontriamo molti cammelli, con la guida visitiamo l’allevamento di 350 esemplari; assggiamo il latte che pare sia ricco di nutrimenti.


Ed infine ma non per questo meno importante la visita al tempio dei topi dove i pellegrini si radunano per adorare più di 5000 ratti sacri! Si entra naturalmente senza scarpe e ci si trova tra una moltitudine di sacri roditori che corrono da una parte all’altra del tempio.

Fa davvero una certa impressione…


 
 
Immagine
Un sarto al lavoro nella sua bottega
La giornata inizia con la visita del forte: percorso da stretti e tortuosi vicoli su cui si affacciano case, templi, negozi di artigianato, ma soprattutto il nostro hotel. Da lì si apre una vista magnifica sulla città e il deserto circostante. La visita continua con il tempio jainista, la residenza del maharaja e il lago sacro dove fanno le cremazioni. Nel pomeriggio visita nei villaggi locali dove ci hanno permesso di entrare in casa e di vedere come vivono i contadini e gli allevatori.


Nel tardo pomeriggio finalmente il deserto dove abbiamo raggiunto le dune trasportati da tre simpatici cammelli.
La cena sulla terrazza di in un ristorante dove siamo riusciti a mangiare come si deve….


 
 
Immagine
Vista dal terrazzo dell'hotel
Siamo in viaggio per Jaisalmer la città d’oro, il paesaggio cambia completamente  da foreste verdi e laghi a sabbia dorata del deserto. Abbiamo attraversato diversi villaggi locali dove abbiamo regalato delle penne e dei biscotti ai bambini che, incuriositi ci venivano incontro.
Poi abbiamo incontrato intere famiglie di dromedari che vivono liberi nel deserto. Il nostro hotel si trova all’interno del forte e ci offre una visione mozzafiato sulla città. Il forte è un’enorme castello di sabbia che si erge nel mezzo del paesaggio desertico.
Purtroppo la cena non è andata molto bene, siamo stati in un ristorante: “il piccolo Tibet” con un servizio nullo e cibo non ben definito.


 
 
Immagine
Giornata a Jodhpur con visita al Meharangarh Fort  che si erge su una collina rocciosa dominando il panorama di Jodhpur . Visita al mausoleo di Jaswant Singh II, luogo piacevolmente silenzioso con vista del forte.
Giro in città tra il labirinto di stradine che odorano di incenso, di rose e di fogna.
pranzo in un piccolo ristorante al primo piano da dove si poteva vedere il mercato e tutta la città.
Pomeriggio in relax e cena in ristorante in città con vista mozzafiato del forte e del orologio.


 
 
Immagine
Una famiglia di scimmie nella foresta
Giornata di viaggio verso Jodhpur la città blu. La strada è lunga, il panorama è suggestivo tra le montagne e cosa veramente spettacolare l’incontro con famiglie di  scimmie che prendono con le loro zampette pelose, il cibo dalle nostre mani come degli umani.
Piccola sosta a Ranakpur dove visitiamo il tempio giainista Chaumukha Mandir. Incredibile veramente bello. Ma non finisce qui durante il tragitto ci fermiamo , sotto una pioggia incessante, al tempio della Motocicletta la divinità dell Om Bana Temple. Arrivati in hotel decidiamo di cenare in un ristorante in centro con vista sulla torre dell’orologio e del forte Mehrangarh.


 
 
Immagine
Spezie tra le bancarelle di Udaipur
Siamo a Udaipur tra le montagne e il lago Pichola.
Mattinata con  guida italiana e visita del il City Palace : il palazzo più grande del Rajasthan con i suoi giardini ricchi di alberi secolari e di meravigliose fontane.
Abbiamo pranzato in un locale  dove servono thali ‘’all-you can it’’ qui i camerieri in uniformepassava con pentolini pieni di cibo e mescoli pronti per riempire  i piatti  di acciaio fino a sazietà.  Dopo lo sconcerto iniziale  ci è sembrata una bella esperienza.
Pomeriggio gita in barca sul lago e visita della residenza estiva del Marahaja ora Hotel.
La cena in uno splendido ristorante in riva al lago con vista sul Lake Palace Hotel sul Lal Ghate e sul City Palace.


 
 
Immagine
la strada che ci porta a Udaipur
Il panorama cambia completamente la strada è circondata dai monti Aravalli e ci ricorda i paesaggi toscani. La meta è Udaipur romantica cittadina sul Lago Pichola.
Il viaggio dura sei ore, facciamo una sosta al tempio Saas-Bahu
(suocera-nuora) e poi finalmente arriviamo al nostro hotel The Trident che ha un parco spettacolare pieno di scoiattoli, pavoni e tanti tipi di uccelli.  La serata piacevolissima in due ristoranti del centro con vista del lago e delle isole che ospitano la residenza estiva del maharaja e di un tempio indù.

 

    Alessio Ferrari

    il racconto del mio viaggio in India

    Photo by Rossano Ferrari

    Archives

    Agosto 2012